• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Linkedin

Credito adesso

Domande fino a esaurimento fondi

Credito adesso rientra nel pacchetto di misure approvate per affrontare l’emergenza Coronavirus e soddisfare l'esigenza di piccole e medie imprese e professionisti lombardi di poter disporre di liquidità per garantire la continuità aziendale e avere le risorse necessarie per consentire la ripartenza.

La dotazione finanziaria di Credito adesso è stata incrementata e la misura è stata modificata per assicurare a PMI e a professionisti strumenti che facilitino l’accesso al credito e la liquidità in tempi rapidi.

Le principali novità sono:

  • ampliata la tipologia delle imprese che possono accedere alla misura;
  • prevista la possibilità di convenzionare anche i Consorzi di Garanzia Collettiva fidi (Confidi) iscritti nell’elenco di cui all’112 bis TUB ovvero all’albo unico di cui all’art. 106 TUB come modificato dal D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141 che, insieme alle banche già convenzionate, diventeranno funding partner dell'iniziativa;
  • incrementato il contributo in conto interessi dal 2% al 3%;
  • prevista l’introduzione, di modalità per una sensibile riduzione degli attuali tempi di deliberazione dei finanziamenti;

Con Delibera di Giunta regionale n. 3125 del 12 maggio 2020 è stata:

  • ampliata la definizione dei professionisti beneficiari anche ai titolari di Partita IVA con codice ATECO M (e sottodigit), anche se non iscritti ad elenchi, albi o ordini professionali;
  • ridotta la loro soglia minima di ammissibilità, pari alla media pluriennale dei ricavi tipici, da 120mila a 72mila euro per professionisti, studi professionali, PMI e MidCap; 
  • aumentata la % massima di finanziamento richiedibile sulla base della media dei ricavi tipici, portandola dal 15% al 25% per professionisti, studi professionali, PMI e MidCap. Inoltre, rispetto ai requisiti di accesso al finanziamento, il valore minimo di media dei ricavi tipici dei liberi professionisti, degli studi professionali, di PMI e di MID CAP è stato ridotto da 120 mila euro a 72 mila euro.

BENEFICIARI

1. PMI e MID CAP:

  • singole e in qualunque forma costituite, ivi comprese le imprese artigiane;
  • sede Operativa in Lombardia;
  • iscritte al registro delle imprese;
  • operative da almeno 24 mesi;
  • media dei Ricavi Tipici, risultante dagli ultimi due Esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda di partecipazione, pari ad almeno Euro 120.000,00;
  • appartenenti a uno dei settori elencati nell’avviso con riferimento al codice ISTAT primario - ATECO 2007.

2. LIBERI PROFESSIONISTI

  • dotati di partita Iva da almeno 24 mesi;
  • operanti in uno dei comuni della Lombardia;
  • iscritti a un albo professionale del territorio lombardo del relativo ordine o collegio professionale o aderenti a una delle associazioni professionali iscritte nell’elenco del Mise;
  • appartenenti ad uno dei settori di cui alla lettera M del codice ISTAT primario - ATECO 2007;
  • media dei Ricavi Tipici, risultante dagli ultimi due Esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda di partecipazione, pari ad almeno Euro 120.000,00.

3. STUDI ASSOCIATI

  • dotati di partita Iva da almeno 24 mesi;
  • operanti in uno dei comuni della Lombardia;
  • i cui soci risultano iscritti a un albo professionale del relativo ordine o collegio professionale o aderenti a una delle associazioni professionali iscritte nell’elenco del Mise;
  • appartenenti ad uno dei settori di cui alla lettera M del codice ISTAT primario - ATECO 2007;
  • media dei Ricavi Tipici, risultante dagli ultimi due Esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda di partecipazione, pari ad almeno Euro 120.000,00.

RISORSE DISPONIBILI

  • Per i finanziamenti654 milioni di euro, di cui 261,6 milioni di euro a carico di Finlombarda S.p.A. e 392.4 milioni di euro messi a disposizione dalle Banche convenzionate
  • Per i contributi in conto interessi21,5 milioni di euro
  • Per i contributi in conto interessi riservati alle imprese che svolgono attività codice ISTAT primario – ATECO 2007 – J60.1 (programmazione e trasmissioni televisive) e codice ISTAT primario – ATECO 2007 – J60.2 (attività di trasmissioni radiofoniche), che siano in possesso dei requisiti previsti dalla L.R. n. 8 del 25 gennaio 2018 art. 4 comma 2: 70.000,00 euro.

CARATTERISTICHE DELL'AGEVOLAZIONE

L'Intervento finanziario è costituito da un finanziamento e da un contributo in conto interessi.

L’importo del singolo Finanziamento richiesto:

  • non può superare il 25% della media dei ricavi tipici risultante dagli ultimi due esercizi contabilmente chiusi;
  • per i soggetti che depositano il bilancio, il singolo finanziamento deve essere minore o uguale alla differenza media tra Attivo circolante e Disponibilità liquide;
  • compreso tra 18 mila e 200 mila euro (per i Liberi Professionisti, gli Studi Associati e le imprese Ateco J 60), tra 18 mila e 750 mila euro (per le PMI) e tra 18 mila e 1,5 milioni di euro (per le MID CAP).

Ai beneficiari sarà anche concesso un contributo in conto interessi pari al 3% a parziale copertura degli oneri connessi al finanziamento in termini di minore onerosità del finanziamento e, comunque, in misura tale da non superare il tasso definito per il finanziamento sottostante.

SCADENZE

La domanda di partecipazione può essere presentata, pena l’inammissibilità, a partire dalle ore 10.30 del giorno 23 aprile 2020, esclusivamente per mezzo di Bandi on Line:

Credito adesso per PMI e MIDCAPlink al bando su bandi online

Credito adesso per liberi professionisti e studi associatilink al bando su bandi online

DOCUMENTAZIONE

Icona documento 'Formato PDF'Testo del bando (formato PDF - 557 KB)


15/05/20
+ Info su:
Accesso al credito ,

 
Asseprim C. F. 80057430151 -
PEC | Privacy | Mappa | Credits
Confcommercio Italia