• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Linkedin

Ricerche e Studi

Le aziende associate ad Asseprim hanno l’opportunità di visualizzare e scaricare le ricerche che vengono pubblicate sul sito.

contenuti delle ricerche e degli studi pubblicati si riferiscono a:

ASSEPRIM FOCUS, l’Osservatorio economico dei servizi professionali all’impresa; l’Osservatorio si compone di due pubblicazioni annuali e di newsletter mensili con gli aggiornamenti di tutti gli indicatori su cui si concentra l’Osservatorio

MISERY INDEX CONFCOMMERCIO, l'indice che misura mensilmente il disagio sociale causato dalla disoccupazione estesa (disoccupati, sottoccupati, cassaintegrati e scoraggiati) e dalla variazione percentuale dei prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto

CONGIUNTURA CONFCOMMERCIO, strumento di analisi che Confcommercio mette a disposizione dei propri associati che sono interessati alla dinamica di breve periodo del PIL, della spesa reale delle famiglie e dei prezzi delle principali voci di consumo 

COVID REWARK RESEARCH, sondaggio, patrocinato da Asseprim e promosso da un network di aziende associate, che a pochi mesi dalla ripresa delle attività dopo il lockdown, vuole approfondire su quali dati di scenario imprenditori e manager baseranno le proprie decisioni.

 

ASSEPRIM FOCUS - Osservatorio Economico dei Servizi Professionali all'Impresa

Nel pieno della crisi si è assistito ad un’impennata della domanda di credito (anche in virtù del DL Liquidità). Due imprese su tre hanno ricevuto una risposta positiva da parte delle banche.

Tra le imprese che hanno fatto richiesta di credito, quattro su cinque hanno approfittato delle agevolazioni previste dal DL Liquidità varato dal Governo durante il periodo della crisi da COVID-19.

Asseprim Focus - Osservatorio economico dei servizi professionali all'impresa, realizzato da Asseprim in collaborazione con Format Research - è il primo Osservatorio sulle Imprese dei Servizi Professionali che traccia un quadro dello scenario economico attuale, con particolare attenzione al posizionamento del bacino delle imprese rappresentate da Asseprim, su parametri quali:

  • clima di fiducia a livello congiunturale e a livello prospettico
  • congiuntura economica
  • domanda e offerta di credito
  • fabbisogni formativi
  • rapporto con i fornitori
  • pressione fiscale e adempimenti amministrativi

 

L’Asseprim Focus è uno strumento informativo che si pone come punto di riferimento dinamico per riflessioni e condivisioni in linea con l’evoluzione del contesto e propone, alle imprese associate, una news mensile online che coniuga dati e indagini sullo scenario economico attuale delle Imprese di Servizi professionali.

Un comparto produttivo che guida l’innovazione e la propensione al cambiamento della nostra economia attraverso la continua e necessaria valorizzazione del capitale umano e del relativo costante aggiornamento delle competenze professionali conseguente all’innovazione tecnologica, la cui spinta alla crescita muove sempre più dalla valorizzazione degli asset intangibili propri di questi servizi.

La ricerca di mercato, a cadenza semestrale, fornisce un quadro completo sullo scenario economico in cui si muovono le aziende di servizi all'impresa nei settori finanziario/assicurativo, consulenza aziendale, comunicazione e marketing, risorse umane, ricerche di mercato e audiovisivo fornendo informazioni che non sono attualmente disponibili presso altra fonte statistica. Un nuovo osservatorio che fornisce l'opportunità di conoscere la realtà e guardare al futuro del lavoro.

 

 

Misery Index Confcommercio

Il Misery Index Confcommercio (MIC) misura mensilmente il disagio sociale causato dalla disoccupazione estesa (disoccupati, cassaintegrati e scoraggiati) e dalla variazione percentuale dei prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto.

Il Misery Index Confcommercio è calcolato in modo da leggere con maggiore precisione la dinamica del disagio sociale, misurato in una metrica macroeconomica. Le due componenti del MIC sono il tasso di disoccupazione esteso e la variazione dei prezzi dei beni e dei servizi acquistati in alta frequenza (fonte ISTAT): le dinamiche di prezzo di questo paniere dovrebbero influenzare in modo più diretto la percezione dell’inflazione da parte delle famiglie, correlandosi direttamente con le preoccupazioni (disagio) in merito al proprio potere d’acquisto.

A partire dal mese di agosto 2019 il MIC viene calcolato secondo una nuova metrica. E’ stata infatti elaborata una nuova stima del numero di disoccupati. All’interno di coloro che svolgono lavoro part-time, una quota (60% circa) dei sottoccupati è stata considerata priva di lavoro, portando la massa di ore lavorate a occupazione equivalente.

Studi scientifici hanno dimostrato come il costo della disoccupazione in termini di soddisfazione di vita sia superiore a quello dell’inflazione. Ricerche sociali evidenziano come la prima preoccupazione dei cittadini sia la questione del lavoro, e quindi la paura della disoccupazione.

A differenza del Misery Index tradizionale nel MIC viene calcolata una versione più estesa della disoccupazione. Al numeratore del tasso di disoccupazione esteso compaiono parte dei sottoccupati, gli scoraggiati e i cassaintegrati equivalenti a zero ore.

 

Congiuntura Confcommercio

Lo studio Congiuntura Confcommercio è uno strumento di analisi che Confcommercio mette a disposizione dei propri associati interessati alla dinamica di breve periodo del PIL, della spesa reale delle famiglie e dei prezzi delle principali voci di consumo.

Per il calcolo del PIL si considerano 6 indicatori mensili (indice di produzione industriale, indicatore dei consumi Confcommercio (ICC), numero di occupati, clima di fiducia del commercio al dettaglio, indice dei nuovi ordinativi e indice dei sinistri denunciati con convenzione garanzia ponte dei dirigenti) e 2 indicatori trimestrali mensilizzati (deflatore del PIL e indice del fatturato delle imprese dei servizi).

Le stime del PIL mensile rispettano l’identità contabile della contabilità nazionale che collega i livelli mensili a quelli trimestrali, quindi il PIL trimestrale pubblicato dall’ISTAT è dato dalla somma delle stime mensili nel trimestre.